"Onyx", alieni alla riscossa! Interessante secondo capitolo della serie LUX (commento al libro)

Dopo "Obsidian" e il prequel "Shadows" Jennifer L. Armentrout è arrivata nelle librerie italiane con "Onyx", secondo capitolo della serie LUX (Giunti editore) dove "l'amore ha molte forme, e alcune sono aliene" come recita l'inizio dell'aletta di copertina. E' un romanzo decisamente indicato per i giovani ma anche chi ha qualche anno in più può trovarlo interessante. Soprattutto se è un amante delle storie d'amore di genere fantasy...
In "Obsidian" abbiamo conosciuto i due protagonisti, l'alieno dagli incredibili occhi verdi Daemon e l'umana che gli fa battere il cuore Katy. Si sono scornati fino all'impossibile per poi rivelare l'attrazione reciproca, anche se non ancora ammessa del tutto.Poi è stata la volta di "Shadows", il prequel che ha spiegato l'avversione di Daemon per il genere umano raccontando la storia del fratello gemello Dawson e la sua triste fine.
Fine apparente però, perché in "Onyx" scopriamo che Dawson e la sua ragazza umana Bethany poi tanto morti forse non sono....

E la loro storia si lega in modo indissolubile a quella di Daemon e Katy, che, da quando Daemon ha usato il suo potere per guarirla, umana proprio del tutto non lo è più neppure lei.
Katy scopre così di avere guadagnato dei poteri, mentre Daemon ritrova la dolcezza celata dietro alla sua maschera di eterno insensibile ed egocentrico.
In questo secondo capitolo troviamo vecchi e nuovi personaggi, raccontati con dovizia di particolari, ognuno con un carattere ben definito che porta il lettore ad immaginarseli mentre agiscono, mentre parlano, mentre combattono, anche. Si perché la vita degli alieni buoni sulla terra non è per niente facile. Devono vedersela con gli Arum, altri alieni, cattivi cattivi, che più cattivi non si può. ombre assatanate di potere, il potere dei Luxen, la razza a cui appartengono Daemon e Dawson, ma anche la loro gemella Dee e altri "clan" alieni. Nell'intreccio che porta ad un finale palpitante non viene risparmiata nemmeno la mamma di Katy.

Il libro è davvero carino, scritto bene e scorrevole. La storia è spiegata al meglio e tutti gli elementi hanno un loro posto ben definito così come una ragione d'essere.
La fine non è una fine, ma un nuovo inizio. Aspetto quindi il terzo capitolo sperando che sia all'altezza di questo.

Buona lettura, peeps! :-)

Commenti

Sono stati qui in