"Silver" di K. Gier, una porta magica alla scoperta dei sogni più intimi. Commento al libro


La copertina di Silver
Dopo aver letto la trilogia delle gemme (Red, Blue, Green) aspettavo da tempo il nuovo libro della Gier. Non sono rimasta delusa a dire il vero. Silver è un romanzo fantasy leggero (editore Corbaccio), molto "romance" (e come potrebbe essere diverso visto che la protagonista è vicina al grande traguardo dei 16 anni) e con una trama completamente diversa dalle opere precedenti dell'autrice.
Scritto bene, di facile lettura, il romanzo racconta la storia di Olivia Silver (per tutti semplicemente Liv) che si trasferisce con la sorella Mia e la bambinaia Lottie (più che una bambinaia direi un'amica grandicella) a Londra per raggiungere la madre (genitori separati). Qui scopre che la dolce mammina (molto trendy e molto permissiva, nonostante si ostini a chiamare le figlie "topoline" come fossero ancora in fasce) si è fidanzata con tale Ernest Spencer, uomo interessante e della "Londra che conta", padre di due gemelli, Grayson e Florence, entrambi belli e intelligenti (da questo cliché non si scappa mai). Liv comincia a frequentare la stessa scuola del fratello acquisito e conosce una serie di personaggi tra cui gli amici di Grayson, il suo "gruppo": Arthur, bellissimo e in parte tenebroso, Jasper, bellissimo e in gran parte stupido, e Henry, bellissimo bellissimo bellissimo, punto...


A questi si aggiungono Persefone Porter-Peregrin (giuro, si chiama proprio così!), una rompiballe patentata, opportunista e a tratti irritante, Anabel Scott (personaggio tormentato), fidanzata di Arthur che ora vive in Svizzera, Emily Clark, fidanzata di Grayson, una palla totale, sia nei vestiti che indossa, sia nelle parole che le escono di bocca (non sono molte, la Gier non ama stressare il proprio lettore per fortuna), Sam Clark, detto Sam-brufolo e vi lascio immaginare il perché, a cui si aggiungono nel corso della storia altri personaggi minori. 
Kerstin Gier
Anche la parte animalista che regna in ognuno di noi viene soddisfatta grazie alla cagnolina di Liv, 'Princess Buttercup formerly known as Doctor Watson' (ma per fortuna si limitano a chiamarla Butter la maggior parte delle volte che viene chiamata in causa), e al gatto di casa Spencer, 'Spot', senza tanti fronzoli, Spot e basta :)
Inizieranno proprio grazie a queste nuove conoscenze le avventure di Liv.
Una sera Grayson impresta a Liv una felpa perché la sua camicetta ha subito un attentato da parte di un'aranciata e parecchi cubetti di ghiaccio e lei, indossandola poi anche per andare a dormire, si ritroverà in un mondo parallelo, quello onirico. Comincerà a entrare e uscire dai sogni di Grayson e dei suoi amici, prima per caso, poi per volontà. Scoprirà un corridoio fatto di tante porte, ognuna diversa, ognuna appartenente ad una persona e una soltanto. Sono le porte che portano ai sogni, quelle che, una volta attraversate, le faranno conoscere i desideri e le paure più nascoste di ognuno dei protagonisti, anche di se stessa. Si ritroverà così a dover fare una scelta. Entrare oppure no a far parte di un gioco iniziato mesi prima dal gruppo di ragazzi, un gioco pericoloso, nato da un sigillo spezzato e dalla conseguente evocazione di un demone. Solo lei potrebbe salvarli tutti. Verrà ingannata, salvata, scoprirà cose che non pensava possibili e, tra una frase in latino e una panchina al tramonto, si innamorerà.
Il cattivo (perché ovviamente c'è un cattivo...) non è così facile da individuare, invece il finale è in parte un po' scontato, soprattutto perché non è un finale, ma un preludio al seguito.

Siamo quindi di nuovo di fronte a una saga, e anche se non è delle più elettrizzanti, almeno è diversa dal solito e si fa leggere.

I personaggi sono forse un po' stereotipati, i luoghi lo sono senza "forse": una scuola, un cimitero, e case da mille e una notte (in una c'è anche un cinema).
Nelle pagine di questa storia si trova anche una sorta di "Gossip Girl", una blogger misteriosa che pare sapere tutto di tutti e sputa segreti (o presunti tali) come fossero gusci di noccioline.

Un young fantasy carino che si legge in fretta, una storia d'amore vissuta più nell'inconscio che nella realtà, fino a quando...verso la fine...
Ma questo non ve lo racconto, scopritelo da soli :-)

Buona lettura, peeps!


SILVER
di Kerstin Gier
Casa Editrice Corbaccio
320 pagine
Euro 16,40
www.corbaccio.it

Commenti

Sono stati qui in